Poco più di 400 lotti di bigiotteria sono stati venduti attraverso la casa d’aste Ripley. La casa d’aste gestisce molte case di bigiotteria e, adesso, a causa della pandemia, gestisce l’attività online. In tal modo ha permesso ai suoi clienti di continuare ad acquistare, gli oggetti che preferivano, nella corsa alla vendita, senza uscire da casa. La vendita online, la casa d’aste, la considera temporanea, anche se si sono riservati un periodo di tempo per valutare, in termini economici, questa nuova modalità di vendita. Infatti l’azienda ha visto un grande aumento dell’attività dei partecipanti online, oltre il 300 per cento della norma.

La casa d’aste si sforza, da sempre, di ottenere collezioni di qualità da collezionisti, appena immesse sul mercato e monoproprietarie, secondo il vice presidente dell’inventario e del servizio clienti di Ripley. Hastings si occupa della catalogazione delle aste con il banditore Dan Ripley dal 2003.

Bellissima una collana di bavaglini a strati di ametiste in filigrana di ottone dorato degli anni ’30 e ’40 con strass rosa e rossi e texture in rilievo battuta a 1.500 dollari.

A guidare la vendita a 1.625 dollari è stata una collana di Miriam Haskell in filigrana in ottone dorata con 14 maglie di medaglione a strati, decorata con gioielli in cristallo diamante a tre colori e incolore. Dopo a 1.500 dollari una collana di bavaglino in ottone dorato a strati di foglia 1930-40 con strass rosa e rossi e texture in rilievo. Una collana di perle intagliate a cinque fili di Lawrence Vrba “The Archer” a cinque fili con ciondolo a medaglione circondato da foglie di metallo nero, fiori e strass, venduta a 1.000 dollari.

L’interesse è mondiale, secondo Hastings è importante offrire questo tipo di collezione a un pubblico mondiale perché ci sono collezionisti molto attivi in Russia e in Asia. Hanno sempre offerte internazionali quindi, manterranno il negozio fisico, ma di contro continueranno le vendite online attraverso un e-commerce.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: