L’oro è considerato, da secoli, sinonimo di valore, valore che dura nel tempo. Il bene rifugio sicuro, per eccellenza. In un periodo di incertezza finanziaria diventa imperativo dare sicurezza ai propri investimenti. L’oro inoltre equivale a una vera e propria “valuta universale” a sé stante: infatti, a prescindere dalla valuta del Paese in cui ci si trova, qualsiasi bene può essere acquistato scambiandone il valore equivalente in oro.

Sebbene all’apparenza entrambe possano sembrare semplici monete d’oro, esiste una grande differenza tra una moneta da collezione ed un esemplare da investimento.

La prima è una moneta il cui valore è dato principalmente dal grado di rarità, dalla conservazione e dal contesto storico in cui nasce, quindi non è legato al valore intrinseco dell’oro che contiene. La moneta da collezione segue una logica di mercato differente, che unisce l’investimento alla passione per l’oggetto.

Quando si parla di monete da investimento (“oro monetario” o “monete di borsa”), il valore dell’oggetto è esclusivamente legato al valore intrinseco dell’esemplare, che cambia in base alla variazione delle quotazioni del metallo.

I detrattori delle monete più antiche motivano con la nota pratica del “signoraggio” la scelta di coniazioni recenti, preferibili in quanto sottoposte a controlli più severi da parte dell’ente emittente. Inoltre sostengono che le monete più datate hanno maggiormente circolato e quindi possono aver sofferto una perdita, seppur minima, di parte dell’oro originalmente contenuto. Gli esperti numismatici, tramite la propria esperienza nel settore, garantiscono che, a prescindere dall’anno di coniazione, la moneta fornita contiene esattamente la quantità di oro per cui è venduta. Per questo motivo tutti gli esemplari (a parte le sterline vecchio conio) sono venduti indifferentemente a prescindere dall’anno di coniazione.

Gli estimatori delle monete più datate, al contrario, apprezzano particolarmente il fascino della storia che una moneta “vecchia” racconta. Inoltre, contro parenti o altri curiosi, date di coniazione lontane nel tempo non rendono possibile l’identificazione precisa del momento in cui si è venuti in possesso delle monete.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: