Cos’è questo nuovo materiale di cui si sente parlare?

Un nuovo materiale in oro che rimane sospeso sopra i petali di un fiore?

Ricavato dalle fibre del latte?

Spieghiamo, brevemente, cosa sono riusciti a creare i ricercatori del Politecnico di Zurigo, guidati da Raffaele Mezzenga. La notizia è stata data dalla rivista Advanced Materials.

AUROGEL: è un simil oro ricavato dalle fibre del latte. E’ anche soffice come una spugna.

I ricercatori della ETH, Scuola politecnica federale di Zurigo (Il Politecnico federale di Zurigo, è considerato il più prestigioso istituto universitario della Svizzera ed uno dei più importanti centri di ricerca al mondo) sono riusciti a creare, in laboratorio, un nuovo materiale dalle caratteristiche eccezionali.

E’ super-leggero (1.000 volte meno pesante dell’oro normale) così leggero da galleggiare, anche, sulla schiuma del cappuccino; resta sospesa sopra i petali di un fiore è morbida al tatto e lucente, a prima vista sembra una pepita.

Questo nuovo materiale, soprannominato aurogel, potrà essere impiegato in molti campi, soprattutto quello della gioielleria e dell’alta moda per realizzare creazioni innovative e nel campo dell’industria.

Per crearla sono partiti dalle proteine del latte, scaldandole a tal punto da costringerle a scindersi in sottili fibre spesse solo un nanometro. A questo punto il miracolo: queste fibre sono state immerse in una soluzione di sali d’oro.

Le fibre si sono mescolate tra di loro intrecciandosi formando una struttura attorno alla quale le particelle d’oro si sono cristallizzate permettendo la nascita di questo nuovo materiale super leggero.

E’ estremamente poroso; la sua struttura contiene per il 98% aria.

Il restante 2% è costituito da 4/5 di oro e per 1/5 dalle fibre del latte. Questa insolita combinazione rende il materiale molto malleabile senza compromettere le altre caratteristiche tipiche dell’oro quale la lucentezza e la grande lavorabilità.

Sarà il protagonista della nuova gioielleria?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: