L’oro è ritornato ad essere un “bene rifugio”, infatti è in rialzo di oltre il 10%.

Ѐ dal mese di agosto del 2013 che i lingotti non raggiungevano livelli di prezzo così alti. Il dollaro, nel contempo, sta perdendo quota, sia nei confronti dell’euro, sia nei confronti delle principali valute.

In vista del G20, che si terrà venerdì e sabato ad Osaka in Giappone, tutti gli investitori sono preoccupati per le burrascose relazioni commerciali tra Stati Uniti e Cina, ritenendo cruciale l’incontro tra Donald Trump e Xi Jinping.

In questo contesto storico/filosofico si è mosso anche l’oro raggiungendo il picco massimo temporale di 1.438,63 dollari l’oncia.

Le tensioni geopolitiche in Medio Oriente stanno contribuendo a favorire il rialzo del prezzo dell’oro. Il comportamento degli USA, che ha solo rimandato l’attacco militare contro l’Iran, ha chiuso definitivamente lo spazio alle trattative diplomatiche, anche perché Trump, lunedì scorso, ha comminato nuove sanzioni colpendo direttamente l’Ayatollah Ali Khamenei, capo supremo della Repubblica Islamica.

A preoccupare, oltremodo i mercati finanziari, è l’andamento dell’economia globale. Senza un accordo tra Stati Uniti e Cina, senza dazi che hanno frenato la crescita, la situazione può solo che peggiorare.

L’oro ha acceso la spia rossa che gli analisti tengono sotto controllo come uno dei segnali anticipatori di una crisi, di una possibile recessione globale. La preoccupazione è fondata poiché mai, dal 2016 l’oro è stato così caro rispetto al rame. Il rame funge da “cartina al tornasole” perché viene venduto quando c’è pessimismo sulla crescita, contrariamente all’oro, riserva di valore, che viene conservata.

La curva dei rendimenti degli Stati Uniti da marzo si mantiene invertita, cioè i titoli emessi con scadenza a breve termine pagano tassi più alti di quelli a lungo termine. Questo è un segnale di allarme sul mercato del debito e, sull’oro, esercita un potere determinante.

Situazioni analoghe, negli ultimi 50 anni hanno anticipato una recessione oltre Oceano.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: