I gioielli più comuni, eleganti e raffinati, sono fibbie, spille, bracciali, anelli e collane, ma anche articoli di difesa come pugnali, scudi e spade.

Nella realizzazione degli ornamenti, da grande popolo di orafi, gli Etruschi mostrano alti livelli di maestria artigianale usando una grande varietà di tecniche e strumenti, che cambiavano secondo l’effetto decorativo desiderato, evidenziando le tecniche di filigrana, goffratura, stampa ed incisione.

La granulazione è la tecnica caratteristica della gioielleria etrusca ed una delle più complesse e affascinanti tecniche decorative dell’arte orafa; consiste nella saldatura di piccole sfere auree o grani ad una base generalmente di lamina, seguendo motivi o disegni prestabiliti.

Un’altra tendenza è l’uso della tecnica della policromia, incorporando gemme o pasta di vetro, che combinavano esclusivamente con l’oro.

Nei Musei Archeologici di Firenze e Ancona, possiamo apprezzare una collezione di gioielli etruschi tra cui spiccano i braccialetti con fibbie d’oro, orecchini e ciondoli.

Uno dei gioielli etruschi più famosi, esposto in questi Musei, è una fibula di faggio del secolo VII, realizzata in oro e proveniente dalla Tomba di Barberini a Palestrina. Gioiello di grande splendore, usato come spilla da balia per fissare i vestiti alla vita o chiudere un mantello portato sopra la spalla.

È evidente la predilezione per il lusso e l’ostentazione nei gioielli del popolo orafo etrusco, derivante da un’alta influenza orientale. Gli orecchini sono di dimensione molto grande tanto da coprire l’intero orecchio, e decorati a filigrana e granulazione.

I pezzi sono solitamente cavi e realizzati con foglie in lamina d’oro per crearli leggeri e facili da indossare. Le Perle sono spesso utilizzate per la decorazione dei gioielli.

Senza dubbio, la gioielleria in oro etrusca è un importante patrimonio storico-culturale, poiché la diversità delle tecniche utilizzate è servita da guida per tutti gli orafi futuri.

La granulazione è tornata ad essere di moda nel secolo scorso e, fino ad oggi, tanti gioielli raffinati vengono esaltati da grani d’oro o di argento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: